6/01/2006

 

Niente Draghi per il vino

Mentre tutti, a parole, plaudono alla relazione del Governatore della Banca d'Italia che invoca l'assoluta necessità per l'Italia di liberalizzazioni, per quanto riguarda il vino si procede imperterriti all'adozione di misure di segno contrario.

Sarà tra breve decisa la distillazione di crisi per la vendemmia 2005. Si tratterà di una misura che dovrebbe riguardare circa 7 milioni di Hl, per una spesa per il bilancio comunitario di 150 - 200 milioni di euro.

Nel frattempo tutte le associazioni di categoria premono per il mantenimento del divieto di nuovi impianti, che esiste da circa 20 anni, solo in UE, come misura orientata a diminuire l'offerta di vino.

Mentre tutto il mondo si rende conto dei danni causati, in primis al consumatore, dai mercati protetti e non liberali, solo l'agricoltura, e quindi il vino, si incancrenisce nel voler investire ridicole somme di denaro solo per cercare di controllare, inefficacemente, l'offerta allo scopo di sostenere i prezzi dei vini (OCM VINO, Organizzazione Comune di Mercato)

E' un po come dire, visto che nel mondo si fa sempre più vino, specialmente al di fuori dell'europa, spendiamo centinaia di milioni per cercare di farne fare meno ai viticoltori europei, così i prezzi dei vini aumenteranno!

Eh? Come? Non ho capito bene. Ma può funzionare una roba cosi? Certo che no, e allora continuiamo!

Sentite qui:

LA RIGIDITÀ DELLE REGOLE CONNESSE AI DIRITTI DI IMPIANTO HA
COSTITUITO UN OSTACOLO PER LA COMPETITIVITÀ DELL'INDUSTRIA
VITIVINICOLA EUROPEA, MENTRE L'IMPATTO DEL PREMIO PER
L'ABBANDONO DEFINITIVO, PUR EFFICACE, È CONTRADDITTORIO…

… E L'ANALISI HA DIMOSTRATO CHE LA DISTILLAZIONE INCORAGGIA
INDIRETTAMENTE IL PERMANERE DELLE ECCEDENZE STRUTTURALI


L'OCM DOVREBBE EVITARE INTERVENTI COSTOSI PER LE ECCEDENZE
STRUTTURALI E ISTITUIRE STRUMENTI DI CARATTERE PIÙ LIBERISTICO
PER ACCRESCERE LA QUALITÀ DELLA PRODUZIONE VINICOLA

Chi lo dice? Lo dico io?

No, lo dice uno studio indipendente (.pdf) di un pool di ricercatori, commissionato dall Unione Europea. Sic, è del 2002, oggi siamo nel 2006 e nulla sembra cambiare.

Comments: Posta un commento



<< Home

This page is powered by Blogger. Isn't yours?